ROCK&GEMS SMASHING PUMPKINS E MINIERE DI DIAMANTI

Mar 26, 2020 in Blog

In questi giorni di isolamento forzato a causa del coronavirus, tra un compito e l’altro di mio figlio, la gestione dei mille gruppi Whatsapp intasati dalla noia e dalla condivisione di foto con didascalie più o meno divertenti, ricette per fare il pane/la pizza/le zeppole e altre cose che ci rendono tutti piccoli masterchef (anche se i miei risultati sono discutibili), mi chiedo cosa avrebbe fatto o detto mio padre. È buffo come mi tornino in mente certi ricordi. Uno di questi riguarda proprio l’associazione di oggi. Erano gli anni ’90, Mtv era il mio canale televisivo preferito. Trasmettevano la migliore musica in circolazione. Tra i vari video in rotazione ce n’era uno degli Smashing Pumpkins che mi piaceva tantissimo. Un giorno lo vidi con mio padre. Il video era quello del singolo Bullet with Butterfly Wings, un pugno allo stomaco. Fu diretto da Samuel Bayer che si ispirò al lavoro del fotografo brasiliano Sebastião Salgado sulle miniere d’oro della Serra Pelada, in Brasile. Il lavoro del fotografo attirò l’attenzione su tematiche scottanti, come i diritti dei lavoratori, la povertà e gli effetti distruttivi dell’economia di mercato nei Paesi in via di sviluppo. Nel video si vedono migliaia di persone, giunte da tutto il mondo in cerca di fortuna in quella che è stata una sanguinosa corsa all’oro, ritratte mentre si arrampicano fuori da un’enorme cava su primitive scale a pioli, caricando sacchi di fango che potrebbero contenere tracce del metallo. Queste le parole del fotografo: “Trascinati dai venti che portano un accenno di fortuna, gli uomini vengono nella miniera d’oro di Serra Pelada. Nessuno viene portato lì con la forza, ma una volta arrivati, tutti diventano schiavi del sogno dell’oro e della necessità di rimanere in vita. Una volta dentro, diventa impossibile andarsene.” Ricordo che parlammo a lungo io e mio padre delle condizioni dei minatori nelle miniere, di ciò che è disposto a fare l’uomo per necessità o per avidità.

 

scarica tutto l’articolo >>

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *